domenica 17 dicembre 2017

Il Pentagono Usa ammette: nostro programma per cercare gli Ufo

A rivelarlo il New York Times, che mostra anche le immagini di presunti incontri tra militari americani e oggetti volanti non identificati. Lo studio, coperto da segreto, sarebbe stato finanziato con 22 milioni di dollari dal 2007 al 2012. Anche senza fondi sarebbe ancora attivo

ROMA. Valeva 22 milioni di dollari del budget di cui dispone il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Una piccola cifra, difficile da trovare se non si conosceva la sua esistenza, se paragonata ai 600 miliardi annuali di cui il DoD disponeva. Il finanziamento per 5 anni è servito a indagare sugli Ufo in segreto. Ora però il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di quel programma per identificare le minacce aerospaziali avanzate.

A scriverlo è il quotidiano americano New York Times secondo cui il programma, lanciato nel 2007, è stato interrotto nel 2012. Ma i suoi sostenitori affermano che, anche se il dipartimento alla Difesa ha smesso di erogare i fondi, il progetto è rimasto in vita: negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma avrebbero continuato a indagare su episodi riportati da alcuni militari.


Continua qui

sabato 16 dicembre 2017

Il mistero del rumore costante emesso dalla Terra

La Terra emette un rumore costante che è impossibile percepire e che per gli studiosi rimane un grande mistero

La Terra emette un rumore, anche se noi non riusciamo a sentirlo. Se improvvisamente spegnessimo ogni dispositivo e tutto si fermasse per qualche secondo, potremmo (forse) sentire il suono del nostro Pianeta. Un rumore molto particolare, che è sempre stato circondato da un grande mistero e che solo di recente gli scienziati sono riusciti a registrare per la prima volta. 

Si tratta di un rumore bassissimo, ma costante. Una sorta di ronzio che è stato definito dagli esperti “oscillazione libera”. L’unico modo per ascoltarlo è stato sul fondo dell’Oceano, dove una recente ricerca ha consentito di catturarlo. La Terra infatti è protagonista di una vibrazione che non ha nulla a che vedere con quella delle placche terrestri che provocano i terremoti. Si tratta di un suono perpetuo avvolto dal mistero e di cui da sempre si cerca l’origine. Il segnale a bassa frequenza è difficile da catturare ed è stato scoperto solamente di recente.

Continua qui

mercoledì 13 dicembre 2017

Marco Columbro: “Gesù era un alieno e anche il Papa lo sa. Presto un annuncio anche di Vladimir Putin”

Non solo, noi stessi siamo degli extraterrestri: "D'altronde, i grandi capi di Stato sono in contatto con loro sin dagli anni '40, noi siamo frutto della loro creazione” ha spiegato a Spy l'ex conduttore televisivo

“Pure Papa Francesco, due anni fa, ha fatto una dichiarazione pazzesca passata sotto silenzio: ‘Noi dobbiamo portare nel nostro cuore gli insegnamenti di un essere alieno, il cui nome era Gesù‘. Nel Vangelo stesso, quello di Giovanni, è riportata una frase di Gesù: ‘Io non sono di questo mondo, dove vado io voi non potete venire. Io sono di lassù, voi siete di quaggiù’. Più chiaro di così? Se il Papa ha detto una cosa del genere è solo perché sa che prima o poi ci sarà un contatto con questi esseri. E sarà più prima che poi. Pure Putin è sull’orlo di fare una dichiarazione di questo tipo”. Frasi pronunciate dall’ex conduttore televisivo Marco Columbro al settimanale Spy. Rivelazioni che forniscono un nuove contributo alle varie teorie cospirazioniste?

Gli alieni quindi non solo esistono, ma noi stessi discendiamo da loro: “D’altronde, i grandi capi di Stato sono in contatto con loro sin dagli anni ’40, noi siamo frutto della loro creazione” spiega Columbro. Con l’aiuto dei suoi 13 telegatti, l’ex conduttore si è immerso nello studio e ha trovato le prove che l’hanno portato a svelare questo segreto che i potenti custodivano da tempo. Gesto che ha fatto per puro umanesimo: “Mi ritengo un libero ricercatore dello spirito da 35 anni. Ho avuto il privilegio di conoscere vari maestri spirituali, compreso il Dalai Lama– ha raccontato a Spy-. Ma non seguo nessuna religione, sia chiaro: non sono buddista. Chi si occupa di spiritualità come me, si occupa anche di vita tout court. Io non credo che esista solo l’uomo in un questo pianetino immerso in miliardi di altre galassie”.

Continua qui

mercoledì 29 novembre 2017

Bergamini: periti, soffocato e coricato sotto camion

Incidente probatorio a Castrovillari. Ilaria Cucchi: 'Si riapre strada verità su vicenda Denis'

Donato Bergamini fu "soffocato ed era già morto prima di essere coricato sotto il camion". E' quanto emerso dall'incidente probatorio davanti al gip di Castrovillari nel corso del quale i periti nominati dallo stesso giudice hanno depositato ed illustrato il loro lavoro. A riferirlo è stato l'avv. Fabio Anselmo, legale della famiglia Bergamini. "E' stata assolutamente confermata l'ipotesi della morte per asfissia ed i periti hanno detto che era già morto prima di essere coricato sotto il camion", ha detto.

L'incidente probatorio era necessario per il deposito e la discussione delle perizie sulle cause della morte di Donato "Denis" Bergamini, il calciatore del Cosenza deceduto il 19 novembre 1989 a Roseto Capo Spulico (Cosenza).

Nelle scorse settimane era emerso che i periti nominati del gip avrebbero attribuito al soffocamento con una sciarpa la causa del decesso che, in origine, era stata attribuita ad un suicidio dato che il corpo finì sotto le ruote di un camion in transito sulla statale 106. Adesso, nella terza inchiesta avviata sul decesso del calciatore (le altre sono state archiviate, la prima come suicidio), sono indagati l'ex fidanzata dell'epoca del calciatore, Isabella Internò, e l'autista del camion, Raffaele Pisano.

Continua qui

lunedì 27 novembre 2017

Edgar Allan Poe viaggiava nel tempo: le prove nelle sue opere

Edgar Allan Poe è stato uno dei massimi scrittori americani dell'Ottocento. Non solo: secondo alcuni sarebbe stato anche in grado di viaggiare nel tempo, come dimostrerebbero alcuni particolari presenti nelle sue opere.

Continua qui (video)

sabato 25 novembre 2017

Misteriosa morte di un banchiere

La fine di Roberto Calvi e i lati oscuri del Banco Ambrosiano

Il 18 giugno 1982 a Londra, sotto il Blackfriars bridge, viene trovato impiccato il banchiere italiano Roberto Calvi. E’ l’epilogo di una travagliata avventura finanziaria, cominciata laddove era finita quella di un altro banchiere, Michele Sindona. Ad accomunare i due, oltre all’iscri- zione alla Loggia P2, le loro capacità professionali nel sistema dei mille incroci societari, la politica delle "scatole vuote" acquistate e poi rivendute.Nel 1975 Roberto Calvi diventa presidente dell’Ambrosiano. Per impadronirsene completamente, crea una rete di strutture ad hoc, formate da filiali off shore alle Bahamas, holding in Lussemburgo, società pirata in centro-america e casseforti in Svizzera.Nel corso degli anni Calvi crea così un impero – giovandosi soprattutto dei suoi legami piduisti e delle entrature che possiede in Vaticano attraverso lo IOR di monsignor Paul Marcinkus - che si sviluppa a dismisura e che diventa punto nodale non solo del riciclaggio dei soldi sporchi della criminalità organizzata, ma anche per operazioni internazionali di vario spettro: dal traffico d’armi per la guerra delle Falkland-Malvine al sostegno della di Somoza, fino al finanziamento del sindacato cattolico polacco Soli- darnosc, tanto caro a papa Giovanni Paolo II. Ma il gioco delle scatole vuote di Roberto Calvi non dura a lungo. Nel 1981, travolto dal fallimento del Banco Ambrosiano, Calvi viene arrestato. Appena scarcerato, fugge all’estero nel tentativo di salvare un impero in disfacimento con il sistema del ricatto politico: un’operazione che non gli riuscirà. Qualcuno gli legherà un cappio attorno al collo.

Continua qui

Roberto Calvi, archiviata ultima inchiesta. “Ma fu omicidio fra Vaticano, mafia e P2. Rogatorie a Santa Sede, esiti inutili”

 

Gianluigi Nuzzi porta gli intrighi vaticani a teatro: «Il vero riformatore? È stato Ratzinger»

mercoledì 22 novembre 2017

Piramide di Cheope, nella camera segreta forse il trono

Costruito per l'anima del faraone, con il ferro dei meteoriti

La cavità scoperta nella piramide di Cheope grazie ai raggi cosmici (fonte: ScanPyramids mission)

La misteriosa cavità appena scoperta nella piramide di Cheope grazie alla 'radiografia' ai raggi cosmici potrebbe custodire il trono di 'ferro' del faraone, ovvero il sedile del corredo funerario realizzato con il ferro portato sulla Terra dai meteoriti: a sostenere questa ipotesi, basata sullo studio degli antichi testi delle piramidi, è l'archeoastronomo Giulio Magli del Politecnico di Milano, che con un articolo pubblicato sul sito ArXiv suggerisce di tentare una nuova esplorazione nella piramide con l'ausilio di robot.

"Valutando la statica della struttura, è chiaro che questa camera non poteva avere una funzione di scarico del peso, come avevano suggerito alcuni egittologi dopo la pubblicazione della scoperta su Nature", spiega Magli all'ANSA. La radiografia fatta con i muoni, particelle prodotte dallo scontro dei raggi cosmici con l'atmosfera, "ha evidenziato che la cavità si trova lungo l'asse Nord-Sud della piramide, che ha un particolare significato simbolico.

Continua qui

venerdì 17 novembre 2017

Il rompicapo dell’avvelenamento da tallio|Perché è così pericoloso?

In un mese tre vittime e 5 persone intossicate: tutti parenti tra loro. La caccia senza esito tra cibi, piccioni e caffè

Nova Milanese (MB) — In questa storia di misteri ci sono tre bare e cinque persone ancora ricoverate in ospedale. E poi tre case — in via Fiume e in via Padova a Nova Milanese (Monza e Brianza) e in via Thanner a Santa Marizza di Varmo (Udine) — dove i carabinieri hanno sequestrato e analizzato di tutto. Dai vasetti di conserve, al sugo, all’acqua del pozzo, alla farina e alle patate usate per il purè, fino ai filtri dell’aria condizionata, nell’infinita e vana speranza di trovare la microscopica traccia del killer. Che un nome, a differenza dei romanzi gialli ce l’ha già. E si chiama tallio, un metallo pesante presente nel corpo e nei cibi ma in quantità infinitesime, e che invece diventa un veleno dei più letali a dosaggi appena superiori. Nei corpi di Patrizia Del Zotto, 62 anni (allergica ai metalli) e dei suoi anziani genitori, Giovanni Battista (94) e Maria Gioia Pittana (87), ce n’era abbastanza non solo da uccidere ma da farlo molto rapidamente. Sono morti nelle prime settimane di ottobre. E lunedì, mentre ancora sono ricoverati l’altra figlia Laura (58), Enrico Ronchi (64) il marito di Patrizia, e la badante Serafina Pogliani (49), in ospedale sono finiti anche l’84enne Alessio Palma, e la moglie Maria Lina Pedon (81), suoceri di uno dei figli dei Del Zotto, Domenico. Loro non erano mai stati nella casa di Varmo dove tutti gli intossicati avevano trascorso insieme un paio di settimane ad agosto.

Continua qui

lunedì 13 novembre 2017

Cosio, il marito morto e la moglie sparita. Un giallo che scuote la Valtellina

Un infortunio anomalo e fatale. E una moldava scomparsa

Sondrio, 8 novembre 2017 - Un uomo, la moglie sparita, un paese sgomento. È un mistero che s’infittisce quello di Cosio Valtellino, provincia di Sondrio: il 2 novembre Nicola Pontiggia, 55 anni, è morto, ufficialmente per un infortunio. E contemporaneamente è scomparsa, svanita nel nulla, anche sua moglie Svetlana Balica, 44 anni, una bella donna di origine moldava da 15 anni in Italia. Si erano sposati cinque anni fa. Della donna ora non ha più notizie nemmeno la sua famiglia di origine. Una sola certezza in questa vicenda per il resto totalmente oscura: «Svetlana non si vede in paese da giovedì scorso».

Gli investigatori vogliono vederci chiaro. E lunedì hanno posto i sigilli alla casa della coppia. Un sequestro probatorio, il cui scopo - di solito - è quello di tutelare eventuali corpi di reato, prove, indizi, dettagli utili a chiarire. I carabinieri sono tornati a Cosio anche ieri per accertarsi che i sigilli non fossero stati manomessi. È proprio dentro la casa che potrebbe celarsi quel che serve per arrivare a capire cosa sia accaduto alla coppia. Lei sembra si sia allontana la mattina stessa dell’incidente, poche ore prima che il marito cadesse vittima di uno strano infortunio. In un giorno festivo ha raggiunto l’impresa per cui lavorava. Si è messo ad armeggiare in un piazzale. È stato trovato verso le 18 con la testa schiacciata da un camion che si è messo in movimento. Per la famiglia Pontiggia questo è un momento di dolore.

La perdita di Nicola, che lascia due figli, è appena avvenuta e i parenti non vogliono parlare. Il via libera alla sepoltura della salma di Pontiggia, comunque, non è ancora stato rilasciato. Dall’autopsia è risultato che la causa del decesso è il trauma alla testa. Dell’infortunio si occupa il sostituto procuratore Stefano Latorre. Accertamenti in corso sulla dinamica. Che, assicurano i parenti, non è quella delineata inizialmente. L’ipotesi era quella del camion rialzato e poi ribaltatosi. Il mezzo, invece, non sembra fosse sollevato da alcuna leva.

Continua qui

domenica 12 novembre 2017

Delitto di Garlasco, dieci anni fa. I quattro indizi e i 16 anni di condanna a Stasi

Il 13 agosto del 2007 una chiamata al 118 dà il via al giallo sulla morte di Chiara Poggi . Il dna, i pedali, le scarpe , il computer: attorno a questi elementi ruota la soluzione di un omicidio di provincia nella calura estiva

Un delitto di provincia nella calura d’agosto

Una villetta a due piani in un piccolo paese, il più normale degli ambienti della provincia italiana. Dentro, una ragazza di 24 anni, studentessa universitaria, uccisa con impressionante crudeltà, forse a martellate. Tutti gli ambienti della casa sono cosparsi di chiazze di sangue. Cominciò così, esattamente dieci anni fa, la mattina del 13 agosto 2007 , il giallo di Garlasco. Chiara Poggi venne trovata uccisa nella casa di famiglia nel piccolo centro in provincia di Pavia; i genitori e il fratello erano in vacanza, lei era rimasta sola in casa e l’ultima persona a vederla viva era stato il suo fidanzato, Alberto Stasi, lo stesso che quella mattina dà l’allarme. Otto anni più tardi al termine di un’inchiesta dagli indizi contrastanti e di un inter giudiziario dove si alternano condanne e assoluzioni, Stasi viene riconosciuto colpevole via definitiva dell’omicidio di Chiara. Sta scontando 16 anni di reclusione ma l’eco di quel delitto non si è ancora spenta. 

Continua qui

domenica 5 novembre 2017

Nel ghiaccio dell'Antartide si è formata una voragine grande quanto un quarto d'Italia

Un buco grande 80 mila chilometri quadrati, proprio come la Scozia. Dopo oltre quarant'anni di assenza, per il secondo anno consecutivo la polinia è tornata a «far visita» all'Antartide. Stiamo infatti parlando di un fenomeno naturale che ha creato una voragine nel Mare di Wedell, in questa stagione generalmente ricoperto dai ghiacci.

Le immagini dai satelliti del Noaa e della Nasa mostrano una interruzione del ghiaccio - grande un quarto d'Italia - creata dalle correnti oceaniche: i flussi marini spingono l'acqua calda verso la superficie, favorendo quindi la fusione dello strato di ghiaccio che ricopre il mare. Insomma, un cambio di temperatura sottostante ha fatto sciogliere il ghiaccio, creando quindi un lago.

Continua qui

domenica 29 ottobre 2017

Shanidar, il neanderthaliano sopravvissuto grazie agli amici

Aveva problemi all'udito, era claudicante e senza avambraccio

 

Lo hanno chiamato Shanidar, come la grotta in cui sono stati trovati i suoi resti, aveva perso un avambraccio, era claudicante e aveva problemi di udito, ma nonostante ciò aveva raggiunto la venerabile età di 40 anni grazie alla solidarietà dei suoi amici, neanderthaliani come lui. Vissuto circa 50.000 anni fa in quello che oggi è il Kurdistan iracheno, Shanidar non avrebbe potuto sfuggire ai predatori e ad altri pericoli senza un aiuto. La sua storia singolare è stata ricostruita, e pubblicata sulla rivista Plos One, da Erik Trinkaus, dell'università americana di Washington a St. Louis, e da Sébastien Villotte, del Consiglio nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs).



Impossibile dire come Shanidar possa essersi ferito al braccio e alle gambe, nessuno può dire se sia accaduto in una battuta di caccia o per difendersi da un predatore, o ancora per una brutta caduta, ma di certo era un individuo debole e molto vulnerabile. "Soprattutto la sordità lo rendeva una facile preda degli animali carnivori", ha osservato Trinkaus. Di conseguenza Shanidar dipendeva dagli altri membri della sua comunità per la sopravvivenza.

 

In generale la vita di un cacciatore-raccoglitore del Pleistocene non era per niente facile, ma per un individuo con i problemi di Shanidar sarebbe stato impossibile: non avrebbe potuto sentire l'arrivo dei predatori, né fuggire. L'unica ipotesi è che coloro che vivevano con lui se ne siano presi cura, tanto da permettergli di invecchiare: 40 anni erano infatti moltissimi per gli uomini di 50.000 anni fa.

 

Continua qui

 

sabato 28 ottobre 2017

Cosa c’è nei documenti sull’uccisione di Kennedy diffusi da Trump

Dalle preoccupazioni dell'FBI ai sospetti sull'Unione Sovietica, potrebbero offrire nuovi dettagli sulla morte più discussa negli ultimi 50 anni negli Stati Uniti

Ieri il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha reso pubblici oltre 2.800 documenti legati all’uccisione di John Fiztgerald Kennedy, un assassinio che da oltre 50 anni interessa l’opinione pubblica statunitense e che è stato alla base di innumerevoli teorie su complotti e cospirazioni. Trump ha però accolto la richiesta di FBI e CIA di non rendere pubbliche altre migliaia di documenti legate al caso Kennedy, lasciando alle agenzie di intelligence sei mesi per rivederli e determinare se la loro pubblicazione possa influire sulla sicurezza nazionale. Nelle ultime ore giornalisti, storici, politici e appassionati del complotto hanno iniziato a consultare la documentazione, ma saranno probabilmente necessarie settimane prima di avere un quadro completo del contenuto, che comunque non dovrebbe portare a nessuna novità significativa o rivoluzionaria.

Kennedy fu ucciso il 22 novembre del 1963 a Dallas, in Texas, mentre si stava spostando su un’automobile scoperta insieme con la moglie Jacqueline. Fu colpito a distanza da Lee Harvey Oswald, che sparò con un fucile dal sesto piano del Texas School Book Depository. Oswald fu arrestato e accusato formalmente dell’omicidio, ma la rapidità con cui furono condotte le indagini e il fatto che lo stesso Oswald fu in seguito ucciso contribuirono a far nascere molti sospetti intorno alla morte di Kennedy. Da allora innumerevoli libri, film, documentari e articoli hanno messo in dubbio la versione ufficiale dell’intelligence statunitense, sostenendo che l’allora presidente fu ucciso in seguito a un complotto che – a seconda dei casi e delle teorie – coinvolse la Russia, Cuba, la criminalità organizzata e perfino Lyndon B. Johnson, il vicepresidente di Kennedy che alla sua morte divenne presidente degli Stati Uniti.

 

Continua qui

 

Marilyn Monroe, la 'strana morte' riemerge dai file su Jfk

 

 

 

giovedì 26 ottobre 2017

In Sardegna spunta uno scheletro gigante ed è subito silenzio



Uno scheletro umano probabilmente molto antico e quasi certamente GIGANTE.
Eh si, avete letto bene ma… quanto sarà gigante questo scheletro?
Le ossa umane sono state scoperte nel corso degli scavi archeologici nel nuraghe Barru. Ci troviamo in Sardegna al confine tra Guasila e Guamaggiore. “Era sepolto a circa 80 centimentri di profondità e stando ad alcuni testimoni è di dimensioni notevoli” leggiamo sul quotidiano l’Unione Sarda, che prosegue: “Ha un femore enorme” spiega “il sindaco di Guamaggiore, Nello Cappai, subito accorso sul luogo del ritrovamento“.

Contattato telefonicamente dal nostro team esplorativo, Cappai, ha preferito non scucire parola solo dopo averci rivelato: “sta arrivando il mondo qui, tutti ci chiamano e quindi c’è molto fermento. Sarò io a chiamarvi per una conferenza stampa che faremo con la soprintendenza archeologica e le amministrazioni comunali della zona.

Continua qui

venerdì 20 ottobre 2017

Dopo la morte la nostra mente continua a funzionare

Secondo uno studio inglese dopo il decesso la nostra mente continua a funzionare, anche se il corpo è clinicamente morto

La nostra mente continua a funzionare anche dopo la morte. A svelarlo una ricerca svolta dall’Università di Southampton secondo cui, anche quando “tutto è finito”, il cervello continuerebbe a mantenere una certa consapevolezza, pur non funzionando più.

La teoria, piuttosto controversa, è nata dopo un’attenta ricerca che ha coinvolto più di 2 mila persone che avevano subito un arresto cardiaco in oltre 15 ospedali situati in Austria, Stati Uniti e Gran Bretagna. Secondo i dati raccolti il 40% dei sopravvissuti avevano dei ricordi riguardo un’esperienza vissuta nel momento in cui il paziente era stato considerato clinicamente morto.
“Sappiamo che il cervello non può funzionare quando il cuore smette di battere – ha spiegato Sam Parnia, lo studioso che ha guidato la ricerca -. Ma in questo caso la consapevolezza cosciente sembra essere rimasta attiva fino a tre minuti dopo che il cuore non funzionava più, anche se il cervello di solito “si spegne” dopo 20-30 secondi da quando il cuore si ferma”.

Continua qui

giovedì 12 ottobre 2017

I super maiali che hanno sconvolto il mondo

In Cambogia vengono allevati alcuni super maiali che assomigliano a Hulk e hanno sconvolto il mondo

Arrivano dalla Cambogia i super maiali che hanno sconvolto il mondo. Si tratta di animali che non sembrano affatto suini, ma assomigliano più a dei piccoli Hulk. Gli esemplari infatti presentano dei muscoli sviluppati all’inverosimile e particolarmente definiti. I maiali muscolosi vengono allevati in una fattoria in Cambogia, denominata Duroc Cambodia. I proprietari della struttura si vantano di avere degli animali straordinari e sulla loro pagina Facebook pubblicano le foto che ritraggono i suini Hulk.

Secondo la Peta gli esemplari sarebbero il frutto di alcune mutazioni genetiche. Tutto sarebbe iniziato nel 2015 quando alcuni scienziati hanno creato per la prima volta in laboratorio 32 suini. Ufficialmente il tentativo non era andato a buon fine e tutti gli animali erano morti, per la Peta però qualcuno sarebbe sopravvissuto e avrebbe dato vita ad una nuova specie di super maiali. La conferma sarebbe anche nel fatto che la fattoria in Cambogia vende online dei kit di inseminazione artificiale, dedicati a chi vuole allevare direttamente a casa propria un suino tutto muscoli.

Continua qui

sabato 7 ottobre 2017

Ötzi: venticinque anni per una maledizione

Articolo di Sofia Lincos e Roberto Labanti


Venticinque anni fa, il 19 settembre 1991, i coniugi Erica ed Helmut Simon trovarono un corpo mummificato nei pressi del ghiacciaio del Similaun, al confine tra Italia e Austria, e più precisamente fra la Val Senales e l’Ötztal: dal nome di quest’ultima i resti vennero soprannominati “Ötzi”.
Il recupero si presentò fin da subito abbastanza complesso: inizialmente si pensò di essere di fronte a quanto rimaneva di un alpinista disperso, e il primo tentativo di una squadra di soccorso austriaca non ebbe successo. Il 21 il corpo venne raggiunto dagli alpinisti altoatesini Hans Kammerlander e Reinhold Messner, e il 23 avvennero finalmente il recupero e il trasporto a Innsbruck, con modalità non ottimali che danneggiarono il reperto.

La mummia venne identificata con quella di un uomo vissuto nell’Età del Rame (tra 5100 e 5300 anni fa), e per un po’ rimase contesa tra Italia e Austria: anche se venne immediamente stabilito che la scoperta era avvenuta, seppure per meno di 100 metri, al di qua del confine italiano, ci vollero diversi anni perché la mummia tornasse in Italia. Solo nel 1998, infatti, Ötzi potè prendere posto in una cella frigorifera del Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano, fatta costruire su misura per lui.

Sulla sua scoperta aleggia, da un po’ di tempo, l’ombra di una maledizione: Ötzi avrebbe punito con una morte prematura le persone che ne avrebbero turbato il sonno. A rafforzare questa idea contribuisce sicuramente l’ipotesi che l’uomo sia stato, in vita, una sorta di sciamano; ma, come fa notare anche il sito del museo che ne conserva le spoglie, “a suffragio di quest’ipotesi non ci sono indizi”.

Continua qui

martedì 3 ottobre 2017

The Eye: la misteriosa isola che ruota su se stessa

In Argentina c'è una misteriosa isola che cambia in continuazione posizione, ruotando su se stessa

In Argentina si trova una misteriosa isola che ruota su se stessa. Soprannominata “The Eye”, ossia “L’Occhio”, per via della sua forma particolare, è situata fra Buenos Aires e Campana, vicino al delta del Parana. Ha un diametro di 120 metri ed è circondata da un canale che la fa sembrare appunto un occhio.

L’isola è stata scoperta qualche tempo fa da Sergio Neuspillerm, un regista argentino specializzato in film sul paranormale. Il cineasta era alla ricerca della location ideale per la sua ultima pellicola e “L’Occhio” sembrava perfetta per ambientare una storia su contatti con gli alieni. Quando, settimane dopo, Sergio Neuspillerm è tornato sul luogo con i suoi collaboratori si è accorto che la location si era spostata. Da qui la scoperta: l’isola si muove costantemente, ruotando su se stessa. Da quel momento il regista ha iniziato a studiare il fenomeno e ha deciso di girare un documentario per raccontare tutto su quest’area misteriosa dell’Argentina.

Continua qui

venerdì 15 settembre 2017

Texas, strana creatura ritrovata in spiaggia dopo il passaggio dell'uragano

Preeti Desai è una fotografa naturalista. Stava camminando sulla spiaggia di Texas City quando si è imbattuta in una strana creatura. L'ha fotografata e ha postato le immagini su Twitter chiedendo aiuto per identificarla. Il professor Kenneth A. Tighe, un biologo dello Smithsonian Museum, ha detto potrebbe trattarsi di una particolare specie di anguilla che vive nell'Oceano Atlantico a grandi profondità, portata su quella spiaggia dalle mareggiate causate dall'uragano Harvey

Video

sabato 2 settembre 2017

Il mistero della morte di Diana: 20 anni dopo il caso è ancora aperto

ROMA – A 20 anni dalla morte di Diana, non si spengono le voci riguardanti il coinvolgimento della famiglia reale in quel tragico incidente stradale del 31 agosto 1997.

Ricostruzioni, indagini, teorie del complotto: nessuna ipotesi fino ad oggi formulata ha mai trovato un riscontro concreto.

Nell’incidente d’auto morirono Diana Spancer, il compagno Dodi Al-Fayed e l’autista Henri Paul.
Ma cosa accadde realmente quella tragica notte sotto il tunnel di Place de l’Alma di Parigi?

Continua qui

venerdì 1 settembre 2017

Il mistero delle Agoraie, un paradiso per pochi sull'Appennino ligure

Vi si trovano specie vegetali che altrimenti crescono in regioni artiche come Scandinavia, Siberia, Groenlandia






Beatrice ha cinque anni e si arrampica con le sue racchettine su per i 350 metri di dislivello che separano il Lago delle Lame alla Riserva Naturale Orientata delle Agoraie. È un capolavoro, un paradiso, incastonato in Val d'Aveto: straordinario perché di particolare pregio naturalistico e di interesse scientifico, collocato sull'Appennino Ligure, ma con specie vegetali che si possono trovare in regioni artiche come Scandinavia, Siberia, Groenlandia.

È, come detto, una Riserva, adiacente al Parco dell'Aveto, gestita dal Reparto Carabinieri Forestale per la Biodiversità di Lucca, accessibile al pubblico per un numero limitato di persone l'anno. Oggi è uno di quei giorni in cui è possibile accedervi, accompagnati dalla guida, Fabrizio Oneto e dall'Appuntato Scelto dei Carabinieri Forestale Matteo Bargagliotti. Ci vogliono più di due ore per raggiungere la Riserva, su per boschi di faggio e pino bianco, legno pregiato utilizzato nel 700 per costruire i remi delle galee o preziosi strumenti musicali, caduto in disgrazia alla fine del ventesimo secolo quando tutto fu portato a pascolo, poi riabilitato, dopo la seconda guerra mondiale, attraverso incentivi e leggi, con l'inserimento del pino rosso. È terra di lupi, cinghiali, volpi, istrici, puzzole, faine, caprioli, poi aquile reali, falchi pecchiaioli, picchi, bianconi, poiane, rane rosse, gamberi di fiume. Questa Valle è conosciuta anche per la Pietra del Fulmine, sul Monte Aiona, e la Pietra Borghese a Prato Mollo, una concentrazione di potenza elettromagnetica. Di fronte il Maggiorasca, il Groppo Rosso, il Monte Bue, la Valle Nure. Alziamo gli occhi al cielo per ammirare il volo propiziatorio di tre poiane. Incontriamo l'Anfiteatro Morenico Ciclopico: tutto comincia 10.000 anni fa con l'ultima glaciazione quando sono tre i cerchi glaciali che scendono dal Monte Aiona, i massi precipitano a valle e formano conche, la vegetazione è di tipo sub polare artico quando si scioglie il ghiaccio la flora non subisce mutamenti.


Continua qui

Alla scoperta dell'entroterra genovese:  La Riserva e i Laghi delle Agoraie



 

sabato 26 agosto 2017

Piramidi nel mondo. L’analisi dei 57 paesi con strutture piramidali e i relativi fenomeni energetici


Quando si parla di piramidi, il pensiero della maggior parte di ognuno di noi corre alle famose piramidi d’Egitto o a quelle Messicane. Ma di piramidi nel mondo ce ne sono tantissime. Oltre ad Egitto e Messico, Spagna, Australia, Cina, Giappone. La nostra stessa Italia da Nord a Sud è disseminata di Piramidi.

E poi ancora: Francia, Mautius, Bolivia, Sudan, Romania, Bosnia, le enigmatiche piramidi nel Triangolo delle Bermuda, quelle presunte in Antartide e tante altre ancora.
In ogni parte del mondo sono presenti piramidi o presunte tali. E intorno ad esse sono tante le leggende che vi ruotano, tutte accomunate dalla stessa trama che ci racconta di un lontano passato in cui degli esseri vennero dal cielo con le loro macchine volanti.

Ma non solo, molte di esse hanno in comune anche gli stessi allineamenti astronomici. Ricorrente infatti, l’allineamento astronomico che molti siti archeologici di piramidi, sparsi nel mondo e distanti tra loro, hanno con le tre stelle centrali della cintura di Orione.

Come è possibile, ad esempio, che piramidi presenti in Italia, abbiano lo stesso allineamento astronomico di altre presenti per esempio in Egitto o in Cina?

Come hanno potuto, in epoche così lontane, costruire strutture che rispettano il medesimo orientamento stellare? Nel libro “Piramidi nel Mondo”, in ordine alfabetico per paese, Sabrina Stoppa, ha voluto mettere in evidenza il gran numero di piramidi presenti nel mondo.

Continua qui

martedì 15 agosto 2017

Pontelungo, lo scheletro e quel delitto di 8 secoli fa

Albenga (SV) - Ucciso (o, in un primo momento, forse solo tramortito), legato mani e piedi e gettato nel fiume, condannato all’oblio. Almeno per otto secoli, fino a quando gli scavi per l’ampliamento del Santuario della Madonna di Pontelungo lo hanno fatto riemergere dalla sua vecchia tomba “acquitrinosa” facendo intravvedere la trama di un nuovo giallo all’ombra delle torri ingaune.
Albenga si conferma città di delitti e misteri: dopo le streghe-bambine (gli scheletri di due giovani donne sepolte nell’area di San Calocero tra il XV e XVI secolo, con modalità che un tempo si riservavano a persone temute o odiate), è la volta di un nuovo cadavere capace di raccontare una storia altrettanto cruenta.
Non ci vuole chissà quale fantasia, basta partire dai dati scientifici e dagli scavi, portati avanti nelle ultime due settimane, nell’area che si trova tra il santuario ingauno – oggetto di un ampliamento voluto dai frati francescani dell’Immacolata – e il ponte di pietra sotto cui, fino al XIII secolo, scorreva il fiume Centa.

Continua qui

venerdì 11 agosto 2017

L’ultima profezia sull’Armageddon: “Il 23 settembre sarà la fine dell’umanità”

Lo afferma David Maede, autore di «Planet X, the 2017 Arrival». E la Nasa risponde


Meglio non prendere impegni per il prossimo 23 settembre. Quel giorno segnerà la fine dell’umanità, afferma David Meade, autore di “Planet X, the 2017 Arrival”, un libro diventato molto popolare nel web, come tutti quelli che periodicamente prevedono la fine del mondo. Ma questa volta, scrive Meade, non possiamo proprio stare tranquilli: l’Armageddon che ci aspetta è infatti annunciato dal libro che contiene tutte le verità, la Bibbia. 

Nel Vecchio Testamento, al capitolo 13 del Libro di Isaia, versi 9 e 10, si legge: «Ecco, il giorno dell’Eterno giunge: giorno crudele, d’indignazione e d’ira ardente, che farà della terra un deserto, e ne distruggerà i peccatori. Poiché le stelle e le costellazioni del cielo non faran più brillare la loro luce, il sole s’oscurerà fin dalla sua levata, e la luna non farà più risplendere il suo chiarore». Una maledizione che superficiali commentatori biblici credevano rivolta contro Babilonia, ma che Meade pensa riguardi invece tutta la Terra. Il 21 agosto non ci sarà forse un’eclissi totale di Sole negli Stati Uniti? Ecco il Sole che si oscura fin dalla sua levata. E la Luna? Proprio il 21 agosto ci sarà anche la “Luna nera”, come viene chiamata la seconda Luna nuova quando se ne verificano due in un solo mese. 

Continua qui

venerdì 4 agosto 2017

Russia: gli abissi del Baikal, il lago dei misteri

E’ remoto, immenso e profondo 1600 metri . Vi si scoprono ogni anno nuove specie animali e le sue coste offrono scenari straordinari

Il lago Baikal è una delle sette meraviglie della Russia: lungo 636 chilometri su una superficie di oltre 31mila chilometri e la sua profondità supera i 1600 metri. Il volume d’acqua che contiene è maggiore di quello dei cinque grandi laghi americani messi insieme. Un fenomeno di lago che si trova in Siberia meridionale è disteso tra Occidente e Oriente, tanto che sulle sue rive sorgono templi buddhisti e sciamanici di influenza tibetana, chiese russo- ortodosse e perfino battiste. Un luogo un po’ misterioso, circondato da una natura quanto mai selvaggia, che emana un fascino inconsueto.

Continua qui

Fenomeni inspiegabili nel lago più profondo del mondo




Durante i temporali forti s'odono le campane in fondo al lago

Il grande mistero del lago di Alleghe Il lago di Alleghe, nel Bellunese, si formò a causa di una frana staccatatasi dal Monte Piz nel 1...