I dieci misteri irrisolti della storia

10misteri
 

Cosa c’è di più interessante di un mistero? Nonostante gli sforzi dei più grandi storici, dei maggiori esperti di crittografia e dei migliori cacciatori di tesori, la storia è piena di enigmi che continuano a confonderci ancora oggi. Eccovi la lista di dieci tra i più grandi misteri ancora senza risposta.

1. Il manoscritto di Voynich. Il manoscritto Voynich (dal nome del libraio polacco-americano Wilfrid M. Voynich, che lo acquistò nel 1912) è un dettagliato libro di 240 pagine scritto in una lingua e con una calligrafia completamente sconosciuti. Le sue pagine contengono anche disegni colorati di strani diagrammi, figure e piante che non sembrano appartenere alle specie conosciute. L'autore del manoscritto rimane sconosciuto, ma con la datazione al carbonio si è scoperto che fu scritto tra 1404 e 1438. 

manoscritto Voynich


2. Kryptos. Kryptos è una scultura misteriosa criptata, realizzata dall'artista Jim Sanborn, che si trova davanti al quartier generale della CIA a Langley, in Virginia. La scultura contiene quattro iscrizioni: se tre di esse sono state decifrate, mentre la quarta resta un mistero. Nel 2006 Sanborn ha svelato che nella prima iscrizione ci sono indizi sull'ultima, e nel 2010 ha fornito un altro indizio: le lettere 64-69 NYPVTT della parte 4 nascondono la parola “Berlin”. 

Kryptos

3. Beale Ciphers. I Beale Ciphers sono un insieme di tre testi cifrati che presumibilmente rivelano la posizione di uno dei più grandi tesori sepolti nella storia degli Stati Uniti: tonnellate di oro, argento e gioielli. Il tesoro fu scoperto originariamente da un uomo misterioso di nome Thomas Jefferson Beale nel 1818, mentre faceva il minatore in Colorado. Dei tre testi, solo il secondo è stato decifrato.
Beale Ciphers

4. Il Disco di Phaistos. Scoperto dall’archeologo italiano Luigi Pernier nel 1908 nel palazzo minoico di Festo, l’omonimo disco è fatto di argilla cotta e contiene dei simboli misteriosi che potrebbero rappresentare una forma sconosciuta di geroglifici. Si ritiene sia stato progettato nel corso del secondo millennio avanti Cristo.

Disco Phaistos

5. L’iscrizione Shugborough. Guardando attentamente lo Sheperd’s Monument, monumento del XVIII secolo nello Staffordshire, in Inghilterra, si noterà una sequenza di lettere: DOUOSVAVVM. Questo codice è rimasto un mistero per oltre 250 anni. Anche se l'identità dello scultore resta sconosciuta, alcuni hanno ipotizzato che il codice potrebbe essere un indizio lasciato dai Cavalieri Templari sul luogo in cui è custodito il Santo Graal.

Shugborough

6. Il caso Tamam Shud. Considerato uno dei più grandi misteri australiani, il caso Tamam Shud ruota attorno ad un uomo trovato morto nel dicembre 1948 sulla spiaggia di Somerton, ad Adelaide, e che non venne mai identificato. In una tasca cucita all'interno dei pantaloni dell’uomo fu trovato un piccolo pezzo di carta con le parole "Tamam Shud". La frase si può tradurre come “tempo indeterminato” o “esaurito”, ed è la frase usata nell'ultima pagina di una raccolta di poesie intitolata “The Rubaiyat”, di Omar Khayyam. Mistero nel mistero, successivamente fu trovata una copia della raccolta Khayyam che al suo interno conteneva un codice scarabocchiato e che si pensa sia stato lasciato dall’uomo trovato morto sulla spiaggia. 

Tamam Shud

7. Il segnale “Wow!”. Jerry Ehman, volontario del SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence), potrebbe essere il primo uomo ad aver ricevuto un messaggio da un mondo alieno. Una notte d'estate del 1977 Ehman stava analizzando le onde radio provenienti dallo spazio profondo, sperando di captare un segnale inviato da alieni intelligenti, quando notò qualcosa di strano nelle sue misurazioni. Il segnale durò 72 secondi, il più lungo periodo di tempo che poteva essere misurato con la matrice che stava usando Ehman. Era forte e sembrava essere trasmesso da un luogo in cui nessun uomo era mai giunto prima: dalla costellazione del Sagittario, vicino alla stella Tau Sagittarii, a 120 anni luce di distanza. Ehman scrisse le parole "Wow!" sul foglio originale del segnale, da cui il nome “Segnale Wow!”. Tutti i tentativi di individuare nuovamente quel segnale fallirono, portando a molti dibattiti e misteri sulle sue origini e sul suo significato.

Continua qui

Commenti

Post popolari in questo blog

Cosio, il marito morto e la moglie sparita. Un giallo che scuote la Valtellina

Il mistero del lago scomparso sui Sibillini

L’ultima profezia sull’Armageddon: “Il 23 settembre sarà la fine dell’umanità”