Solstizio d'estate: la grande alba di Stonehenge

L'evento coinvolge ogni anno circa 40mila persone: la prima luce estiva racconta anche miti e leggende

 

PERCHE’ SE NE PARLA Sono stati circa 40mila, attorno ai monoliti di Stonehenge, nell'Inghilterra centrale, a celebrare il solstizio d'estate, il giorno più lungo dell'anno. L'evento, che accomuna fedeli della religione pagana e druida, ma anche turisti e curiosi, è ancora molto diffuso nel Regno Unito. Sono venuti per ammirare il sole sorgere sulla pietra centrale, per un momento estremamente spirituale. Questo giorno speciale segna ufficialmente l'inizio dell'estate: un evento che non si lega soltanto all'associazione mare e vacanze, bensì a miti e leggende delle culture del mondo.

PERCHE’ ANDARCI Stonehenge è un sito neolitico che si trova vicino ad Amesbury nello Wiltshire, Inghilterra, circa 13 chilometri a nord-ovest di Salisbury sulla Piana di Salisbury. È' composto da un insieme circolare di grosse pietre erette, le cosiddette megaliti, che devono il loro attuale allineamento ai lavori di ricostruzione nella prima metà del Novecento.
DA NON PERDERE Se siete appassionati di cultura celtica e cerchi neolitici, ricordiamo di visitare il Cerchio di Brodgar nella Scozia settentrionale, il sito di Goseck nella Sassonia-Anhalt in Germania e quello di Göbekli Tepe in Turchia.

Continua qui

Commenti

Post popolari in questo blog

Cosio, il marito morto e la moglie sparita. Un giallo che scuote la Valtellina

Il mistero del lago scomparso sui Sibillini

L’ultima profezia sull’Armageddon: “Il 23 settembre sarà la fine dell’umanità”