Il delitto di Via Poma

29 coltellate per Simonetta Cesaroni


Simonetta Cesaroni, una bella ragazza di 21 anni, figlia di un dipendente dell’azienda tranviaria comunale, viene trovata senza vita attorno alle 22 e 30 di martedì 7 agosto 1990 a Roma, in via Poma 2, quartiere Prati, dove lavorava come segretaria dell'AIAG, l’Associazione Italiana Alberghi della Gioventù.
A scoprire la tragedia sono la sorella Claudia, il di lei fidanzato, il suo datore di lavoro e la moglie di Pietrino Vanacore, il portiere dello stabile.
Il corpo della ragazza giace in una stanza, supino, le gambe divaricate, senza mutandine, il reggiseno sollevato, trafitto con 29 colpi d'arma bianca al volto, alla gola, al tronco ed al basso ventre. L’arma utilizzata per il delitto - mai ritrovata - è, probabilmente, un tagliacarte. La tempia destra presenta un'ecchimosi, come se fosse stata colpita da un violentissimo schiaffo a mano aperta. Sul seno ha un morso. Il corpo di Simonetta è seminudo, ma la ragazza non è stata violentata. L'assassino ha portato via, i suoi pantaloni, gli slip e la maglietta. Ai piedi ha ancora delle calze bianche.
L’assassino, prima di fuggire, ha cercato di ripulire l’appartamento del sangue di Simonetta. alcuni stracci vengono ritrovati accuratamente sciacquati, strizzati e rimessi al loro posto. Un gesto che può fare solo chi è intenzionato a spostare il cadavere da quell’appartamento anche perchè, molto probabilmente, lo stesso assassino a quell’appartamento è in qualche modo legato. 

Continua qui



Commenti

Post popolari in questo blog

Cosio, il marito morto e la moglie sparita. Un giallo che scuote la Valtellina

Il mistero del lago scomparso sui Sibillini

L’ultima profezia sull’Armageddon: “Il 23 settembre sarà la fine dell’umanità”