domenica 29 ottobre 2017

Shanidar, il neanderthaliano sopravvissuto grazie agli amici

Aveva problemi all'udito, era claudicante e senza avambraccio

 

Lo hanno chiamato Shanidar, come la grotta in cui sono stati trovati i suoi resti, aveva perso un avambraccio, era claudicante e aveva problemi di udito, ma nonostante ciò aveva raggiunto la venerabile età di 40 anni grazie alla solidarietà dei suoi amici, neanderthaliani come lui. Vissuto circa 50.000 anni fa in quello che oggi è il Kurdistan iracheno, Shanidar non avrebbe potuto sfuggire ai predatori e ad altri pericoli senza un aiuto. La sua storia singolare è stata ricostruita, e pubblicata sulla rivista Plos One, da Erik Trinkaus, dell'università americana di Washington a St. Louis, e da Sébastien Villotte, del Consiglio nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs).



Impossibile dire come Shanidar possa essersi ferito al braccio e alle gambe, nessuno può dire se sia accaduto in una battuta di caccia o per difendersi da un predatore, o ancora per una brutta caduta, ma di certo era un individuo debole e molto vulnerabile. "Soprattutto la sordità lo rendeva una facile preda degli animali carnivori", ha osservato Trinkaus. Di conseguenza Shanidar dipendeva dagli altri membri della sua comunità per la sopravvivenza.

 

In generale la vita di un cacciatore-raccoglitore del Pleistocene non era per niente facile, ma per un individuo con i problemi di Shanidar sarebbe stato impossibile: non avrebbe potuto sentire l'arrivo dei predatori, né fuggire. L'unica ipotesi è che coloro che vivevano con lui se ne siano presi cura, tanto da permettergli di invecchiare: 40 anni erano infatti moltissimi per gli uomini di 50.000 anni fa.

 

Continua qui

 

sabato 28 ottobre 2017

Cosa c’è nei documenti sull’uccisione di Kennedy diffusi da Trump

Dalle preoccupazioni dell'FBI ai sospetti sull'Unione Sovietica, potrebbero offrire nuovi dettagli sulla morte più discussa negli ultimi 50 anni negli Stati Uniti

Ieri il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha reso pubblici oltre 2.800 documenti legati all’uccisione di John Fiztgerald Kennedy, un assassinio che da oltre 50 anni interessa l’opinione pubblica statunitense e che è stato alla base di innumerevoli teorie su complotti e cospirazioni. Trump ha però accolto la richiesta di FBI e CIA di non rendere pubbliche altre migliaia di documenti legate al caso Kennedy, lasciando alle agenzie di intelligence sei mesi per rivederli e determinare se la loro pubblicazione possa influire sulla sicurezza nazionale. Nelle ultime ore giornalisti, storici, politici e appassionati del complotto hanno iniziato a consultare la documentazione, ma saranno probabilmente necessarie settimane prima di avere un quadro completo del contenuto, che comunque non dovrebbe portare a nessuna novità significativa o rivoluzionaria.

Kennedy fu ucciso il 22 novembre del 1963 a Dallas, in Texas, mentre si stava spostando su un’automobile scoperta insieme con la moglie Jacqueline. Fu colpito a distanza da Lee Harvey Oswald, che sparò con un fucile dal sesto piano del Texas School Book Depository. Oswald fu arrestato e accusato formalmente dell’omicidio, ma la rapidità con cui furono condotte le indagini e il fatto che lo stesso Oswald fu in seguito ucciso contribuirono a far nascere molti sospetti intorno alla morte di Kennedy. Da allora innumerevoli libri, film, documentari e articoli hanno messo in dubbio la versione ufficiale dell’intelligence statunitense, sostenendo che l’allora presidente fu ucciso in seguito a un complotto che – a seconda dei casi e delle teorie – coinvolse la Russia, Cuba, la criminalità organizzata e perfino Lyndon B. Johnson, il vicepresidente di Kennedy che alla sua morte divenne presidente degli Stati Uniti.

 

Continua qui

 

Marilyn Monroe, la 'strana morte' riemerge dai file su Jfk

 

 

 

giovedì 26 ottobre 2017

In Sardegna spunta uno scheletro gigante ed è subito silenzio



Uno scheletro umano probabilmente molto antico e quasi certamente GIGANTE.
Eh si, avete letto bene ma… quanto sarà gigante questo scheletro?
Le ossa umane sono state scoperte nel corso degli scavi archeologici nel nuraghe Barru. Ci troviamo in Sardegna al confine tra Guasila e Guamaggiore. “Era sepolto a circa 80 centimentri di profondità e stando ad alcuni testimoni è di dimensioni notevoli” leggiamo sul quotidiano l’Unione Sarda, che prosegue: “Ha un femore enorme” spiega “il sindaco di Guamaggiore, Nello Cappai, subito accorso sul luogo del ritrovamento“.

Contattato telefonicamente dal nostro team esplorativo, Cappai, ha preferito non scucire parola solo dopo averci rivelato: “sta arrivando il mondo qui, tutti ci chiamano e quindi c’è molto fermento. Sarò io a chiamarvi per una conferenza stampa che faremo con la soprintendenza archeologica e le amministrazioni comunali della zona.

Continua qui

venerdì 20 ottobre 2017

Dopo la morte la nostra mente continua a funzionare

Secondo uno studio inglese dopo il decesso la nostra mente continua a funzionare, anche se il corpo è clinicamente morto

La nostra mente continua a funzionare anche dopo la morte. A svelarlo una ricerca svolta dall’Università di Southampton secondo cui, anche quando “tutto è finito”, il cervello continuerebbe a mantenere una certa consapevolezza, pur non funzionando più.

La teoria, piuttosto controversa, è nata dopo un’attenta ricerca che ha coinvolto più di 2 mila persone che avevano subito un arresto cardiaco in oltre 15 ospedali situati in Austria, Stati Uniti e Gran Bretagna. Secondo i dati raccolti il 40% dei sopravvissuti avevano dei ricordi riguardo un’esperienza vissuta nel momento in cui il paziente era stato considerato clinicamente morto.
“Sappiamo che il cervello non può funzionare quando il cuore smette di battere – ha spiegato Sam Parnia, lo studioso che ha guidato la ricerca -. Ma in questo caso la consapevolezza cosciente sembra essere rimasta attiva fino a tre minuti dopo che il cuore non funzionava più, anche se il cervello di solito “si spegne” dopo 20-30 secondi da quando il cuore si ferma”.

Continua qui

giovedì 12 ottobre 2017

I super maiali che hanno sconvolto il mondo

In Cambogia vengono allevati alcuni super maiali che assomigliano a Hulk e hanno sconvolto il mondo

Arrivano dalla Cambogia i super maiali che hanno sconvolto il mondo. Si tratta di animali che non sembrano affatto suini, ma assomigliano più a dei piccoli Hulk. Gli esemplari infatti presentano dei muscoli sviluppati all’inverosimile e particolarmente definiti. I maiali muscolosi vengono allevati in una fattoria in Cambogia, denominata Duroc Cambodia. I proprietari della struttura si vantano di avere degli animali straordinari e sulla loro pagina Facebook pubblicano le foto che ritraggono i suini Hulk.

Secondo la Peta gli esemplari sarebbero il frutto di alcune mutazioni genetiche. Tutto sarebbe iniziato nel 2015 quando alcuni scienziati hanno creato per la prima volta in laboratorio 32 suini. Ufficialmente il tentativo non era andato a buon fine e tutti gli animali erano morti, per la Peta però qualcuno sarebbe sopravvissuto e avrebbe dato vita ad una nuova specie di super maiali. La conferma sarebbe anche nel fatto che la fattoria in Cambogia vende online dei kit di inseminazione artificiale, dedicati a chi vuole allevare direttamente a casa propria un suino tutto muscoli.

Continua qui

sabato 7 ottobre 2017

Ötzi: venticinque anni per una maledizione

Articolo di Sofia Lincos e Roberto Labanti


Venticinque anni fa, il 19 settembre 1991, i coniugi Erica ed Helmut Simon trovarono un corpo mummificato nei pressi del ghiacciaio del Similaun, al confine tra Italia e Austria, e più precisamente fra la Val Senales e l’Ötztal: dal nome di quest’ultima i resti vennero soprannominati “Ötzi”.
Il recupero si presentò fin da subito abbastanza complesso: inizialmente si pensò di essere di fronte a quanto rimaneva di un alpinista disperso, e il primo tentativo di una squadra di soccorso austriaca non ebbe successo. Il 21 il corpo venne raggiunto dagli alpinisti altoatesini Hans Kammerlander e Reinhold Messner, e il 23 avvennero finalmente il recupero e il trasporto a Innsbruck, con modalità non ottimali che danneggiarono il reperto.

La mummia venne identificata con quella di un uomo vissuto nell’Età del Rame (tra 5100 e 5300 anni fa), e per un po’ rimase contesa tra Italia e Austria: anche se venne immediamente stabilito che la scoperta era avvenuta, seppure per meno di 100 metri, al di qua del confine italiano, ci vollero diversi anni perché la mummia tornasse in Italia. Solo nel 1998, infatti, Ötzi potè prendere posto in una cella frigorifera del Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano, fatta costruire su misura per lui.

Sulla sua scoperta aleggia, da un po’ di tempo, l’ombra di una maledizione: Ötzi avrebbe punito con una morte prematura le persone che ne avrebbero turbato il sonno. A rafforzare questa idea contribuisce sicuramente l’ipotesi che l’uomo sia stato, in vita, una sorta di sciamano; ma, come fa notare anche il sito del museo che ne conserva le spoglie, “a suffragio di quest’ipotesi non ci sono indizi”.

Continua qui

martedì 3 ottobre 2017

The Eye: la misteriosa isola che ruota su se stessa

In Argentina c'è una misteriosa isola che cambia in continuazione posizione, ruotando su se stessa

In Argentina si trova una misteriosa isola che ruota su se stessa. Soprannominata “The Eye”, ossia “L’Occhio”, per via della sua forma particolare, è situata fra Buenos Aires e Campana, vicino al delta del Parana. Ha un diametro di 120 metri ed è circondata da un canale che la fa sembrare appunto un occhio.

L’isola è stata scoperta qualche tempo fa da Sergio Neuspillerm, un regista argentino specializzato in film sul paranormale. Il cineasta era alla ricerca della location ideale per la sua ultima pellicola e “L’Occhio” sembrava perfetta per ambientare una storia su contatti con gli alieni. Quando, settimane dopo, Sergio Neuspillerm è tornato sul luogo con i suoi collaboratori si è accorto che la location si era spostata. Da qui la scoperta: l’isola si muove costantemente, ruotando su se stessa. Da quel momento il regista ha iniziato a studiare il fenomeno e ha deciso di girare un documentario per raccontare tutto su quest’area misteriosa dell’Argentina.

Continua qui

Durante i temporali forti s'odono le campane in fondo al lago

Il grande mistero del lago di Alleghe Il lago di Alleghe, nel Bellunese, si formò a causa di una frana staccatatasi dal Monte Piz nel 1...