domenica 21 giugno 2015

Solstizio d'estate: la grande alba di Stonehenge

L'evento coinvolge ogni anno circa 40mila persone: la prima luce estiva racconta anche miti e leggende

 

PERCHE’ SE NE PARLA Sono stati circa 40mila, attorno ai monoliti di Stonehenge, nell'Inghilterra centrale, a celebrare il solstizio d'estate, il giorno più lungo dell'anno. L'evento, che accomuna fedeli della religione pagana e druida, ma anche turisti e curiosi, è ancora molto diffuso nel Regno Unito. Sono venuti per ammirare il sole sorgere sulla pietra centrale, per un momento estremamente spirituale. Questo giorno speciale segna ufficialmente l'inizio dell'estate: un evento che non si lega soltanto all'associazione mare e vacanze, bensì a miti e leggende delle culture del mondo.

PERCHE’ ANDARCI Stonehenge è un sito neolitico che si trova vicino ad Amesbury nello Wiltshire, Inghilterra, circa 13 chilometri a nord-ovest di Salisbury sulla Piana di Salisbury. È' composto da un insieme circolare di grosse pietre erette, le cosiddette megaliti, che devono il loro attuale allineamento ai lavori di ricostruzione nella prima metà del Novecento.
DA NON PERDERE Se siete appassionati di cultura celtica e cerchi neolitici, ricordiamo di visitare il Cerchio di Brodgar nella Scozia settentrionale, il sito di Goseck nella Sassonia-Anhalt in Germania e quello di Göbekli Tepe in Turchia.

Continua qui

martedì 9 giugno 2015

METEO HORROR: i fuochi fatui? Sono un fenomeno naturale e NON sono i fuochi di Sant'Elmo!

Non c'è nulla di magico, paranormale o misterioso, anche se non è facile osservare il fenomeno.

I fuochi fatui sono piccole lucine, molto simili a fiammelle, che compaiono raramente e segnatamente di notte, all'aperto, al di sopra del terreno.
A provocarli sono i gas prodotti dalla decomposizione di materiale biologico presente nel terreno, tra cui anche quello messo a disposizione dai corpi umani defunti, specie quelli che sono stati sotterrati da poco tempo e riposano su terreni ancora non compattati o liberi da monumenti in cemento o pietra.

Il fenomeno è conosciuto da perlomeno due secoli e si ritiene che il gas che interverrebbe più efficacemente a provocarle sarebbe il metano, ma da solo non sarebbe sufficiente a produrre fiammelle, ecco allora intervenire la fosfina, un composto che prende fuoco a contatto con l'aria coinvolgendo anche il metano.
In passato molti hanno osservato il fenomeno ma non hanno riferito alcuna sensazione di calore, bensì di una sorta di lumonisità fredda; anche questa spiegazione può essere accettata, giacchè la fosfina può diventare semplicemente fosforescente.

La cosa incredibile è che nessuno sino ad oggi sia stato in grado di fotografare alcun fuoco fatuo. Anche in laboratorio il fenomeno non è stato mai riprodotto. Molti scambiano i fuochi fatui con i fuochi di Sant'Elmo, le fiammelle bluastre che si generano a ridosso delle punte degli oggetti poco prima o durante un temporale, provocati dalla ionizzazione dell'aria, ma è ovviamente un errore.

Continua qui

giovedì 4 giugno 2015

Robert Kennedy: si riapre il giallo del suo assassinio

I due avvocati di Sirhan Sirhan, l'uomo condannato per l'omicidio di Robert Kennedy, sostengono di avere "prove formidabili" che dimostrano l'innocenza del loro assistito: l'uomo che ha ucciso il fratello di John Fitzgerald sarebbe ancora ignoto


Gli avvocati di Sirhan Sirhan, condannato per l'assassinio di Robert Kennedy il 5 giugno 1968, hanno consegnato a un tribunale di Los Angeles alla fine di febbraio "prove formidabili" dell'innocenza del loro cliente, di cui chiedono l'immediata liberazione.

Sirhan, che oggi ha 67 anni, sta scontando la pena a vita nel carcere di Pleasant Valley a Coalinga, in California. Lui è stato ritenuto l'unico responsabile del ferimento di sei persone quella sera del 1968 nella cucina dell'hotel Ambassador: cinque sopravvissero, Kennedy fu l'unico a morire, il giorno seguente all'attentato.

Secondo i legali William Pepper e Laurie Dusek, l'uomo che ha colpito a morte Bob Kennedy, che aveva appena annunciato la vittoria alle primarie del Partito democratico, non è Sirhan: il loro assistito sarebbe stato condizionato tramite ipnosi, affinché i suoi spari distogliessero l'attenzione dal vero omicida.

Continua qui

L’omicidio di John Fitzgerald Kennedy, un mistero lungo 50 anni

JFK non fu il primo presidente ad essere ucciso, prima di lui Lincoln, Garfield e McKinley. Nel suo caso, però, l'importanza assunta dai media e dagli Stati Uniti nel panorama mondiale, resero l'omicidio (forse in parte irrisolto) il più discusso di tutti i tempi

John Fitzgerald Kennedy – L’infinita serie di teorie della cospirazione che albergano dietro le quinte dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy inizia pochi istanti dopo l’attentato. Fu, infatti, Robert Kennedy, fratello del presidente e capo del Dipartimento di Giustizia statunitense, a ricevere l’infausta chiamata dal padre-padrone dell’FBI, J. Edgar Hoover, che, con schietto linguaggio burocratico, comunicò a Bobby – suo superiore – che il presidente era stato colpito da un’arma da fuoco. E’ in quel momento che emergono i primi dubbi che dietro la morte di JFK ci sia qualcosa di più grande che un gesto estremo di un folle.

Lee Harvey Oswald – Il folle in questione era Lee Harvey Oswald, un operaio ed ex-marines americano con simpatie comuniste e castriste. Tali simpatie gli costarono l’emarginazione dal corpo dei Marines e l’isolamento, fino alla decisione di mollare tutto, nel 1959, e partire verso la terra del comunismo: l’Unione Sovietica dalla quale ottenne la cittadinanza, ritornando, poi, negli States nel 1962. Negli istanti successivi all’attentato, Oswald fu visto fuggire dal portone della Texas Book Depository di Deadley Plaza in maniera rocambolesca, finendo braccato dalla polizia poche ore più tardi. Interrogato, Oswald si dichiarò sempre innocente, anche se il fucile Manlicher-Carcano, usato per eliminare John Kennedy, era di sua proprietà e aveva sopra le sue impronte.

Continua qui 


Quello che ancora oggi non torna sull'omicidio Kennedy